domenica 18 febbraio 2018

AL TEATRO CIVICO DI GAVI STORIE DI DONNE CON "MELE PER EVA"

Prosegue la stagione  al Teatro Civico di Gavi, realizzata dal Comune di Gavi con l'Associazione Commedia Community/Teatro della Juta): SABATO 24 FEBBRAIO, alle ore 21 andrà in scena lo spettacolo “Mele per Eva”, riduzione di “Nove mele per Eva” del drammaturgo Gabriel Arout, autore russo naturalizzato francese che rielabora per l'occasione i racconti umoristici di un giovane Anton Cechov.
In scena la Compagnia dell'Ambra/I Pochi. La regia è a cura di Daniela Tusa, attrice e regista tortonese, diplomata al Teatro Stabile di Genova.

La versione della Compagnia dell’Ambra è divisa in cinque storie che si sviluppano in un intreccio a puntate. Storie di coppie, dal tono brillante e farsesco che affrontano il tema della seduzione e delle diverse  sfaccettature dell’essere femminile, che dai tempi dell'Eden non ha ancora soddisfatto la voglia di assaporare il frutto proibito. Donne di ogni età, di diversa estrazione sociale e culturale, ma che in comune hanno lo stesso  sguardo disincantato verso "questo strano animale" che è l'uomo. 
Nel girotondo dei sentimenti, quando tutti finiranno giù per terra, chi sopravviverà? A chi resterà in mano la mela tanto contesa?

In scena gli attori Sara Amodio, Marcello Barbera, Luca Cacciabue, Alida Ciotti, Andrea Bartolo, Sara Marcellino, Olga Pezzan, Silvia Pivotto, Daniele Ribuoli, Chiara Suppo.

La stagione del Teatro Civico di Gavi è a cura dell'Associazione Culturale Commedia Community, ed è sostenuta dalla Fondazione CRT, così come quella del Teatro della Juta di Arquata.

INIZIO SPETTACOLI ORE 21. Biglietto posto unico € 10. 
Prenotazioni telefoniche al n. 345 0604219 oppure teatrodellajuta@gmail.com

VENDITA BIGLIETTI LA SERA STESSA DELLO SPETTACOLO A PARTIRE DALLE ORE 20 PRESSO IL TEATRO CIVICO DI GAVI.
(Prevendite presso il Comune Di Gavi al numero 0143-642913). 

Il prossimo appuntamento della stagione del Teatro Civico di Gavi si terrà GIOVEDì 8 MARZO, ore 21,  con lo spettacolo “Il bacio” con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti.

domenica 4 febbraio 2018

QUEL GIORNO A GENOVA... RACCONTI E CANZONI ISPIRATE DAL MARE

Venerdì 16 febbraio al Teatro della Juta uno spettacolo/concerto che vede protagonisti i musicisti DADO BARGIONI e ANDREA NEGRUZZO, e l'attrice tortonese DANIELA TUSA.  

QUEL GIORNO A GENOVA porta in scena racconti, pensieri e canzoni ispirati dal mare e dalla città dei cantautori. I testi sono di Mauro Buzzi e Enzo Ventriglia, e raccontano suggestioni, poesia e profumi dei vicoli genovesi, con le loro storie e le loro passioni. Per lo più sono storie di donne, racconti che vengono dal mare, crudi e delicati allo stesso tempo.

I ricordi della bambina degli anni '70 si mescolano con quelli della donna di strada, il ricordo dei dei migranti con quelli della neve che cade su Genova e sul mare. E proprio il mare fa da leitmotiv a tutto lo spettacolo, portando a riva sogni realizzati e sogni infranti, storie di speranza e altre senza redenzione. Le narra con voce sicura e calda l'attrice tortonese Daniela Tusa, accompagnata nel suo viaggio da due musicisti d'eccezione: Dado Bargioni, cantautore blues qui in veste inedita, e Andrea Negruzzo.

Tra i brani riarrangiati da Bargioni figurano Via del campo di De Andrè, Questi posti davanti al mare, di Fossati, De Andrè e De Gregori, Ma come fanno i marinai, di Lucio Dalla e De Gregori, Ciao Amore Ciao di Tenco, Titanic di De Gregori, Italiani d'argentina di Fossati, Dolcenera di De Andrè e molti altri, tratti dalla tradizione dei cantautori italiani e genovesi.

Dado Bargioni è cantautore, chitarrista e musicoterapista. Nasce ad Alessandria nel 1970. Si forma musicalmente scrivendo e suonando brani di musica funky e gospel (con il Rev. Robert Lee Brown). Solo dopo la metà degli anni Novanta viene folgorato dalla canzone italiana, ed è proprio in quel periodo che arriva il Club Tenco, a Ricaldone, dove si esibisce prima della P.F.M. Tra i brani scritti per il cinema e la tv citiamo il brano “STAR”, appositamente per la colonna sonora di “E’ nata una Star”, film di Lucio Pellegrini con Luciana Littizzetto e Rocco Papaleo; due suoi brani (“Mo’ Better Blues/To the Top”, insieme al cantautore emiliano Marco Sforza, e “The Wave” con il Dado Bargioni Quattro +) vengono inclusi nella colonna sonora della serie televisiva: “Tutto Può Succedere”, trasmessa da RaiUno, in prima serata.

Daniela Tusa è attrice di cinema, teatro e tv, formata alla Scuola del Teatro Stabile di Genova. Ha lavorato al cinema con il regista Renato De Maria, accanto a Riccardo Scamarcio e Giovanna Mezzogiorno nel film La prima Linea (2009); in tv nella serie Quo Vadis, Baby?, ne Il Mostro di Firenze, in Questo nostro amore, di Luca Ribuoli, nel ruolo della Prof.ssa Marta Contini. Eclettica e trasformista, il teatro rimane al centro dei suoi lavori: è stata "Arpagone" nell'Avaro di Moliere (regia di Laura Bombonato), ed ha portato in scena come regista Un leggero malessere, di Harold Pinter.

Andrea Negruzzo è pianista e compositore. Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Alessandria. Ha perfezionato gli studi presso il Conservatorio di Zurigo. Studioso di musica antica, ha frequentato il corso di clavicembalo presso l’Accademia musicale europea di musica antica di Bolzano. Studia con Luis Bacalov la composizione delle colonne sonore e partecipa a quella della fiction “Tutto Può Succedere”, trasmessa da RaiUno. Partecipa ad un tour mondiale con Francesco Albertazzi (ukulele), suona il clavicembalo nell'ultimo lavoro degli Yo Yo Mundi.

INIZIO SPETTACOLO ORE 21.
Intero € 12, ridotto € 10.
Sconti riservati a over 65, soci Unitre Arquata e Grondona, soci consorzio "Botteghe di Arquata".

VENDITA DIRETTA LA SERA STESSA DELLO SPETTACOLO A PARTIRE DALLE ORE 20 PRESSO IL TEATRO DELLA JUTA.

Info e prenotazione telefonica: 345 0604219 o mail: teatrodellajuta@gmail.com.

sabato 6 gennaio 2018

CAMBIO DI SPETTACOLO AL TEATRO DELLA JUTA: IL 27 GENNAIO UN BACIO A MEZZANOTTE!

Lo spettacolo CAFFE' NERO BOLLENTE, previsto per il giorno SABATO 27 GENNAIO è stato annullato per motivi organizzativi dei “Cani da Compagnia”, interpreti della pièce teatrale.
Al suo posto il Teatro della Juta è lieto di proporvi uno spettacolo musicale, frizzante e divertente, che ha ottenuto grandissimo successo in tutti i teatri dove è stato rappresentato, 
UN BACIO A MEZZANOTTE - Varietà retrò. 

Protagonisti dello spettacolo tre artisti, Christian Primavera, Martina Allia e Nora Garavello, che sulla scena ripropongono alcune delle più famose canzoni del repertorio musicale che va dagli anni '30 agli anni '60, come nell’Avanspettacolo del dopoguerra italiano, attraverso una costante commistione di generi artistici: si alternano momenti di canto, coreografie, brevi sketch, momenti di burlesque, di coinvolgimento diretto del pubblico sul palco e in platea, giochi di ombre, gare di ballo, serenate, il tutto accompagnato da proiezioni di vecchi film e filmati, in un’atmosfera magica, spensierata e divertente, ricoperta di piume, paillettes e guêpiere.


Attraverso film d’epoca, musical, canzoni, varietà, si passa velocemente da Marilyn Monroe a Dean Martin, da Fred Astaire a Peggy Lee; lo spettacolo traghetta il pubblico in un magico viaggio nel tempo. La forza di questo spettacolo nasce dalla collaborazione di tre artisti provenienti da ambiti differenti (canto, musical, danza e teatro), che hanno deciso di unire questi linguaggi per dar vita ad un omaggio al passato, all’atmosfera romantica di quegli anni, ai personaggi intramontabili, alla comicità e alle icone della femminilità.  
Questa ha un ruolo chiave, ed è rappresentata da Martina Allia e Nora Garavello, attraverso la danza, la recitazione, il canto ed un ironico burlesque.


Lo show vuole far risaltare in particolare il panorama artistico italiano (ne è un esempio la sezione dedicata a Napoli, ai suoi artisti e brani di fama internazionale), non dimenticando i grandi classici americani di quel periodo. 
Lo spettacolo si apre con il brano “Ma Le Gambe”, reinterpretato in una versione ironica e originale, e si chiude sulle note della canzone “Un bacio a mezzanotte”, che dà il titolo allo show. 

Biglietti in vendita la sera stessa dello spettacolo. Posto unico € 10.

E' possibile prenotare telefonicamente o via mail. Enzo Ventriglia 345 0604219 
mail: teatrodellajuta@gmail.com
E' possibile modificare le prenotazioni precedenti telefonando al 345 0604219. 






martedì 19 dicembre 2017

BUONE FESTE DAL TEATRO DELLA JUTA! PROSSIMI APPUNTAMENTI A GENNAIO


Si è chiusa con il bellissimo spettacolo  "L'invenzione senza futuro" la prima parte della stagione del Teatro della Juta. Lo staff di Commedia Commuity vi augura Buone Feste e vi ricorda gli appuntamenti di Gennaio, a Gavi e ad Arquata:




- Sabato 20 gennaio 2018         TEATRO CIVICO DI GAVI
GLI ALLEGRI CHIRURGHI   Compagnia Piccolo Palco
Il dott. Lorenzo Martini è un tranquillo chirurgo di fama mondiale ed è sposato da anni con Patrizia. Il dott. Paolo Bonomi vive ancora con la mamma, mentre il dott. Michele Colonna è un tranquillo chirurgo con atteggiamenti un po’ particolari. Tutti lavorano, tranquillamente, all’ospedale San Camillo di Roma, diretto dal prof. Adalberto Mantoni, ex primario, ora direttore sanitario, eminenza grigia con amicizie altolocate. 

Tutto è tranquillo... fino all’arrivo di Giulia Tosetti e sua figlia Alessia, che ha appena compiuto 18 anni e ha appreso che il suo vero padre, a lei sconosciuto, è un dottore che lavora al San Camillo, di cui ignora il nome. Infatti, diciotto anni fa, Giulia è stata infermiera ed amante del dott. Martini. Ora, la situazione comincia a complicarsi un po': Alessia vuole a tutti i costi sapere chi è suo padre...Situazioni, battute e personaggi sull’orlo della follia e della comicità esilarante.

Ingresso posto unico € 10.
Prenotazioni 345 0604219
teatrodellajuta@gmail.com










- Sabato 27 gennaio 2018         TEATRO DELLA JUTA
CAFFE' NERO BOLLENTE, Cani da Compagnia 
di Paolo Scepi. Regia Angelo Repetto
L’alba di un giorno qualunque, senza un perché, senza un dove. Una casa, quella, un po’ speciale. Con una caffettiera perennemente sul fuoco. Esseri umani, un po’ ai margini, sconfitti, abituati ai compromessi. Tre donne e un uomo disilluso dalla vita.  condividono questo spazio. Pieni di contraddizioni. Pieni di paura. Ognuno con la sua storia, con i suoi segreti, i suoi sogni, che nelle prime ore del mattino diventano confessioni, sciogliendo inibizioni e resistenze. 

Tre donne che sognano, che praticano professioni antiche come il mondo, occasioni mancate, denaro desiderato, nascosto, rubato. La vita insomma, di chi è escluso dalla vita, appunto.

Ingresso posto unico € 10.
Prenotazioni 345 0604219
teatrodellajuta@gmail.com










domenica 10 dicembre 2017

L'INVENZIONE SENZA FUTURO, SUL PALCOSCENICO UN OMAGGIO AL CINEMA!

Sabato 16 dicembre al Teatro della Juta andrà in scena lo spettacolo L'INVENZIONE SENZA FUTURO, Viaggio nel Cinema in 60 Minuti (di Federico Giani, Celeste Gugliandolo, Francesca Montanino e Mauro Parrinello), una  produzione: Tedacà/Compagnia DeiDemoni e Offrome, in collaborazione con Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse.

“Un’invenzione senza futuro”. Così Antoine Lumière (padre dei celebri fratelli) definisce il cinema, un progetto a cui i suoi figli stanno lavorando. Ma loro sono caparbi, determinati ad arrivare fino in fondo alle loro intuizioni: forse uno dei due lo è di più, mentre l’altro è condizionato dalle parole del padre;  forse la necessità di scoprire se il progetto funziona, cela in realtà - per uno dei due - il desiderio di conquistare la donna amata.

Lo spettacolo, lieve, toccante e poetico, racconta il rapporto tra due fratelli, Louis e Auguste - che stanno per rivoluzionare la visione del mondo - e la ricerca dell’amore, attraverso un viaggio che si trasforma e si snoda per mezzo di scene di film, incontri, suoni e visioni dal sapore delle pellicole che ci hanno appassionato in più di un secolo di cinema. Il racconto di una vita che si fa metafora delle evoluzioni del cinema, delle sue più importanti invenzioni: dal muto al sonoro, dal montaggio al colore. Il contributo (in parte inconsapevole) di questi nostri due fratelli ad un progetto così rivoluzionario come l’immagine in movimento, insieme con il desiderio amoroso, sono i motori per raccontare anche l’illusione stessa della vita.  



Un piccolo gioiello di poesia scenica (...) che attraverso lo sguardo ludico e scanzonato delle romantiche e folli concrezioni sceniche di Auguste e Louis Lumière, ci racconta una delicata parabola sulla memoria e sull’amore.(Teatro.it).


In scena Federico Giani (diplomato presso la scuola del Teatro Stabile di Genova; nel suo percorso di formazione ha avuto modo di studiare recitazione con Anna Laura Messeri, Massimo Mesciulam, Fabrizio Contri, Alessandra Schiavoni ed Enrico Bonavera); Celeste Gugliandolo, diplomata in pianoforte al conservatorio di Messina e in violoncello al Conservatorio di Torino; si classifica al secondo posto al talent show X Factor, in gruppo con altri 3 cantanti-attori di Tedacà, "i Moderni" e si divide tra teatro e musica; Mauro Parrinello, allievo di Michele Di Mauro e Leo Muscato; dopo il diploma alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova, è diretto da Valerio Binasco in Noccioline, di Fausto Paravidino per il Teatro Eliseo di Roma. Le musiche sono di Giorgio Mirto. 

Il Teatro della Juta fa parte del progetto della Fondazione Piemonte dal Vivo chiamato “Corto Circuito”, nato per favorire l’attività di giovani artisti in Piemonte e creare un’occasione, per le varie compagnie, di contribuire allo sviluppo culturale e sociale del proprio territorio. La stagione ha il patrocinio del Comune di Arquata, il sostegno di Acos Energia e della Fondazione CRT. Il Teatro della Juta collabora inoltre con il Consorzio Le Botteghe di Arquata e con il Distretto del Novese.

Biglietteria Orange Festival 2017-18: 
Biglietti interi € 12, ridotto € 10 (Unitre Arquata Scrivia – Grondona, under 18, over 65)
Bebo Storti posto unico € 12 (no riduzioni).
NOTA BENE: Gli spettacoli fuori cartellone Caffè Nero Bollente e I Canonici non sono compresi nell'abbonamento. Posto unico € 10. 

PRENOTAZIONI TELEFONICHE: 
345 0604219 - teatrodellajuta@gmail.com

lunedì 4 dicembre 2017

GAVI: AL VIA IL 7 DICEMBRE LA NUOVA STAGIONE!

IN SCENA “QUANDO LA MOGLIE E' IN VACANZA”, COMMEDIA TRATTA DAL FAMOSO FILM CON MARILYN MONROE

Giovedì 7 dicembre il Teatro Civico di Gavi  darà il via alla stagione teatrale 2017/2018. La stagione è realizzata dal Comune di Gavi in collaborazione con l'Associazione Culturale Commedia Community, con il sostegno della Fondazione CRT.

Andrà in scena la commedia teatrale di George Axelrod QUANDO LA MOGLIE E' IN VACANZA, più famosa forse per la trasposizione sul grande schermo fatta dal regista Billy Wilder e per aver consacrato in modo definitivo la stella di Marilyn Monroe. La commedia è una produzione del'Ass. Commedia Community. 

La monotona estate di Richard Sherman, rimasto solo in città dopo la partenza della moglie per le vacanze, viene sconvolta dall'arrivo di una "frizzante" annunciatrice televisiva, che abita provvisoriamente al piano di sopra.
Tutta la commedia gioca sul contrasto tra la volontà di essere fedele alla moglie e la tentazione di sedurre la bella e disinibita vicina. Tra sogni e realtà, Richard immagina di conquistare la ragazza, ma anche di essere ripagato con la stessa moneta dalla moglie che, al mare, se la spassa con il bel Tom, amico di famiglia. 
Tra portieri ficcanaso, psichiatri-scrittori studiosi di pulsioni omicide e incursioni della bellissima vicina, Richard dovrà decidere infine la strada da intraprendere.
Questo adattamento teatrale fa un uso narrativo delle immagini, che vivacizzano il tradizionale svolgimento delle "commedie da appartamento", modificando la narrazione classica in un racconto dinamico e multimediale. 

Protagonisti in scena Mattia Silvani, Nora Garavello, Erica Gigli, Christian Primavera, Giancarlo Adorno e Simone Guarino. Regia Enzo Ventriglia, aiuto regia Michele Puleio; organizzazione Cristina Storaro.


INIZIO SPETTACOLI ORE 21. Biglietto posto unico € 10 

VENDITA BIGLIETTI LA SERA STESSA DELLO SPETTACOLO A PARTIRE DALLE ORE 20 PRESSO IL TEATRO CIVICO DI GAVI. (infopoint, prenotazioni e prevendite presso il Comune di Gavi al numero 0143-642913 o alla mail teatrodellajuta@gmail.com). 

Prenotazioni telefoniche 345 0604219

Teatro Civico di Gavi, Via Garibaldi. 



mercoledì 22 novembre 2017

SALARIO. DALLA RADIO AL PALCO DELLA JUTA

L'Orange Festival 2017-18 continua con un altro nome importante: l’attore alessandrino Gualtiero Burzi debutterà il  1° dicembre alle ore 21 al Teatro della Juta di Arquata Scrivia con SALARIO, spettacolo scritto con Mauro Pescio, tratto da un monologo radiofonico per la RAI.
E' una storia di frontiere, di pregiudizi e di sfruttamento ambientata a fine Ottocento, ma più che mai attuale per la tematica trattata: la xenofobia. Le musiche sono di Gianni Coscia

Ogni anno, tra agosto e settembre, al momento della raccolta del sale ad Aigues-Mortes, in una cittadina della Linguadoca-Rossiglione (Francia) affluivano migliaia di lavoratori italiani richiamati dalla speranza di trovare un lavoro stagionale, nonostante i rapporti tra Italiani e Francesi fossero tesi.
Nell'agosto del 1893 un conflitto tra operai francesi e italiani impiegati nelle saline di Peccais si trasformò in un vero e proprio eccidio: undici morti e più di centocinquanta feriti tra gli italiani. La tensione che ne seguì fece sfiorare la guerra tra i due Paesi.
Purtroppo è una storia più̀ che mai attuale e balza subito agli occhi la somiglianza con l'Italia di oggi: i piemontesi nelle saline di Aigues-Mortes sono come gli extracomunitari in alcune fabbriche italiane del Nord-Est o nei campi di pomodori della Campania. Giovani uomini che soprattutto in questo momento storico compiono un viaggio doloroso, lontano dalla propria famiglia e dalla propria casa per assicurarsi un futuro migliore.

Per informazioni e prenotazioni: 3450604219 o teatrodellajuta@gmail.com.


Gualtiero Burzi si diploma nel 2000 presso la Scuola Triennale per Attori del Teatro Stabile di Torino, fondata da Luca Ronconi. Lavora in teatro, diretto da importanti registi tra i quali Luca Ronconi, Giancarlo Cobelli, Franco Però, Mauro Avogadro, Antonio Sixty ,Veronica Cruciani. Lavora in film per la TV e in molte serie televisive (come la recente “1992” di e con Stefano Accorsi, e “1993”, “Don Matteo 11”) e con registi come Michele Soavi, Carlo Lizzani, Claudio Bonivento, Eros Puglielli, Maurizio Zaccaro, Giuseppe Gagliardi. In Cinema lavora con registi quali: Dimitri Makris, Emanuele Giliberti , Edoardo Leo e Max Croci.


Il Teatro della Juta di Arquata fa parte del progetto della Fondazione Piemonte dal Vivo chiamato “Corto Circuito”, nato per favorire l’attività di giovani artisti in Piemonte e creare un’occasione, per le varie compagnie, di contribuire allo sviluppo culturale e sociale del proprio territorio. La stagione ha il patrocinio del Comune di Arquata, il sostegno di Acos Energia e della Fondazione CRT.