giovedì 25 aprile 2013

27 APRILE - I TOMAKIN ALL'ORANGE FESTIVAL

Quando è stato deciso il programma definitivo dell'Orange Festival la data del 27 aprile era, tra gli organizzatori, certamente una delle più attese. 
Questa volta sul palco della Juta salirà infatti una delle band più promettenti, ma ormai si può parlare di conferma, dello scenario indipendente italiano.

I TOMAKIN presenteranno ad Arquata il loro secondo album "Epopea di uno qualunque" (The Prisoner Records), un disco "synth-pop dal retrogusto new wave e dai testi curati. Un album che guarda in faccia la realtà, smascherandone vizi e tic in una commedia sul genere umano, che alterna canzoni agrodolci ballabili, a brani più lenti e riflessivi, talvolta ammantati da una vaga psichedelia" (www.ondarock.it).
Dopo il buon successo - di pubblico e di critica, come si dice in questi casi - del disco d'esordio "Geografia di un momento", la band alessandrino/genovese torna un disco prodotto dalla strana coppia Fabio Martino (Yo Yo Mundi) e Mattia Cominotto (Meganoidi), proponendo una carrellata di personaggi tipici della nostra società moderna: i figli di papà di Squali, di cui potete vedere il video in questo articolo, la fashion-blogger di Poser, gli pseudo-artisti di Bluff Art.
A giudicare dai temi di questo disco, il palco di un teatro, del Teatro della Juta, è decisamente il luogo migliore dove andare a raccontarli.

Altro motivo perché questa serata sia molto attesa, è il ritorno sulle scene di Daniele Focante che, dopo l'importante esperienza con i Supernova Kitchen, propone in esclusiva per l'Orange Festival il suo nuovo progetto solista.
Ad aprire il concerto dei Tomakin sarà quindi la Daniele Focante Rock 'n' roll band, con mezz'ora di grandi successi di artisti come Elton John, Iron Maiden, Led Zeppelin, riarrangiate in versione rock 'n' roll, oltre a un paio di brani originali scritti da Daniele.

Che ne dite, ce n'è abbastanza per venire a trovarci sabato 27 aprile alle ore 21 al Teatro della Juta di Via Buozzi ad Arquata Scrivia?

Nessun commento:

Posta un commento