giovedì 14 maggio 2015

THE BUDDY BOLDEN LEGACY BAND CHIUDE LA STAGIONE INVERNALE ALLA JUTA!

Si chiude Sabato 23 maggio la stagione invernale del Teatro della Juta di Arquata Scrivia, in attesa degli appuntamenti estivi all'aperto!

The BUDDY BOLDEN LEGACY BAND presenta al pubblico un originale concerto- reading dedicato al leggendario primo re di New Orleans, al secolo Buddy Bolden, l’uomo che è accreditato come l’inventore dell’hot blues, e di quella musica che verrà chiamata jazz.

Il quartetto di musicisti genovesi, capitanato da Alberto Malnati, con l'ausilio della bravissima attrice e cabarettista Federica Sassaroli, intraprende un viaggio a ritroso nel tempo esplorando la musica dei primissimi anni del 900, quando tra blues, ragtime, ballate europee, canzonette dei Mistrels e da bordello, spirituals, nasceva il jazz di New Orleans. Il fascino della figura di Bolden, oltre ad aver ispirato romanzieri e cineasti, ha portato Malnati a scrivere un breve monologo nel quale la figura evanescente (forse il suo fantasma?) di un Bolden dimenticato e isolato nel manicomio di Jackson in Lousiana, si racconta dialogando con le voci nella sua testa.

Molti musicisti nella storia della musica afroamericana (sia jazz che blues) “vantano” biografie “avventurose e romanzesche”, natali oscuri e disagiati nei ghetti delle grandi metropoli industriali o storie di sudore, fatica e discriminazione, ma nessuno di essi può competere con la figura mitica e leggendaria del primo King di New Orleans, Charles Buddy Bolden (1877-1931), considerato il primo musicista che iniziò ad improvvisare nell'ambito di un contesto di esecutivo di gruppo. A questa sua consuetudine - e a quella di mescolare le sonorità dei blues più neri - si fa risalire la transizione del ragtime verso il genere che in seguito venne riconosciuto come Jazz.


La sua vita è ammantata di leggenda, a lui vengono attribuiti i mestiere più disparati, così come imprese non del tutto legali (giornalista, barbiere, contrabbandiere). Bolden venne internato definitivamente in manicomio per “sindrome dissociativa” (schizofrenia), dove trascorse rinchiuso gran parte della sua vita, probabilmente aggravata dalla sua propensione allo smodato consumo di alcol.
Virtuoso di cornetta, (tromba in do), i musicisti di New Orleans lo riconoscono come il miglior trombettista del periodo e come l’inventore del genere hot blues, tuttavia Bolden non ha mai inciso o registrato la sua musica.

Il quartetto base della Buddy Bolden Legacy Band (formato da Malnati, Cattaneo, Colombo e Guazzo, musicisti di grande esperienza, maturata al fianco di grandi jazzmen statunitensi ed europei) si avvale spesso della collaborazione del fuoriclasse New Yorkese Robert Lopez (già percussionista di Brandford Marsalis). Un’attenta ricerca storica, oltre che musicologica, da parte di Malnati (direttore artistico) rende la performance del gruppo un piacevole percorso alla ricerca di luoghi, personaggi e storie, un viaggio su un’ipotetico Steam Boat lungo le sponde del Mississipi alla ricerca delle radici del jazz.

La formazione è dunque così composta: Alberto Malnati: contrabbasso e voce; Stefano Guazzo: sassofono soprano e clarinetto; Roberto Colombo: chitarra; Fabrizio Cattaneo: tromba; Robert Lopez (USA): drums; Federica Sassaroli: Reading

Biglietti in prevendita presso Ass. Commedia Community, Piazza San Rocco 3, Arquata Scrivia, o la stessa sera degli spettacoli a partire dalle ore 20.
Ingresso € 8 intero, € 6 ridotto.
Per prenotazioni telefonare al n. 345 0604219 oppure mandare una mail a teatrodellajuta@gmail.com.

Gli appuntamenti dell'ORANGE OFF sono realizzati a cura dell'Ass. Commedia Community, in collaborazione con la Compagnia del Barchì e con la Compagnia Stregatti, il patrocinio del Comune di Arquata Scrivia e il sostegno di Acos Energia. Collaborano Le Botteghe di Arquata e il Distretto del Novese. 

Teatro della Juta, Via B. Buozzi Arquata Scrivia.
Maggiori info: ufficio stampa: Enzo Ventriglia: Mob.: 345 0604219,
Cristina Storaro 349  7823713; teatrodellajuta@gmail.com; Pag. Facebook Teatro della Juta.