lunedì 9 marzo 2020

ANDRA' TUTTO BENE - BE SUPERHUMAN!


In questo periodo così difficile, chi lavora nel campo dell'intrattenimento e della cultura è rimasto attaccato con le unghie ai propri spazi, alle proprie iniziative, rimandando gli appuntamenti solo quando era impossibile fare altrimenti.

Perché uno spettacolo per noi non è mai solo uno spettacolo.
Rappresenta mesi di preparazione, di prove, di confronto e discussioni, di ore e ore passate insieme ai nostri colleghi, ai nostri amici.
E tutto questo ha senso solo se arriva il momento in cui si presenta al pubblico il frutto di quei mesi non solo di lavoro ma di vita.
Facciamo questo mestiere perché è il nostro modo di esprimere ciò che siamo, da chi scrive testi a chi li recita, da chi organizza a chi si assicura che tutto funzioni come si deve.
E' questo il nostro modo di contribuire alla nostra società. Alla nostra comunità, come piace dire a noi.
E non andare in scena significa rinunciare al momento più emozionante e di maggiore condivisione del percorso.
Allo stesso modo, non potere offrire al nostro pubblico gli spettacoli delle altre compagnie che avevamo scelto sapendo le emozioni che avremmo vissuto insieme be', è dura da mandare giù.

Ma adesso è il momento di contribuire alla comunità in un altro modo.
Stiamo a casa!
Sarà durissima per noi non passare del tempo nei nostri teatri, sarà durissima vedere stravolta la stagione che avevamo preparato e di cui eravamo così fieri, sarà ancora più difficile - non immaginate quanto - non vedere i ragazzi dei nostri corsi e sospendere tutti i progetti che stavamo realizzando.
Ma non ci fermiamo, lavoreremo da casa per preparare il ritorno alla vita di tutti i giorni. Penseremo a quando e come recuperare gli spettacoli che oggi sono saltati, lavoreremo a nuove idee, continueremo con le letture dei copioni via Skype con le nostre classi
Insomma, organizziamo il ritorno. E quando tutto questo sarà passato, troveremo il modo per festeggiare con tutti voi la fine di un periodo che nessuno avrebbe mai immaginato di dover affrontare.

Seguite alla lettera le direttive che ci arrivano, uscite solo se necessario e...
BE SUPERHUMAN, oggi più che mai!

martedì 3 marzo 2020

IL TEATRO AL TEMPO DEL CORONA VIRUS - Come cambia la nostra programmazione


In questo momento difficile per il nostro Paese, è importante che un'istituzione come il teatro dia un forte segnale di voglia e bisogno di ripartire, di dimostrare che seguendo normali regole civili di convivenza è ancora possibile incontrare altre persone e vivere momenti di passione e condivisione, perché il panico non può far altro che generare altro panico. 
Con il via libera da parte delle autorità alla riapertura dei teatri sono infatti ripartite a pieno ritmo le nostre tre classi del corso di recitazione di Arquata e Gavi.

Per la stagione teatrale era invece necessario prendere una decisione esaminando la situazione da punti di vista diversi e forse più razionali. Il clima di totale incertezza durato fino alla fine della scorsa settimana non ha consentito di lavorare come avremmo dovuto per l'organizzazione dello spettacolo previsto per il prossimo weekend.
Il tema affrontato dall'evento meritava di essere presentato ad un pubblico ben preciso, quello delle scuole e delle associazioni sportive del territorio. Ed era proprio questo il senso del lavoro iniziato settimane fa, lavoro bruscamente interrotto dagli eventi degli ultimi dieci giorni.
Il rischio, anche economico – non lo nascondiamo, tocca fare i conti anche con aspetti come questo – era che lo spettacolo andasse in scena senza il pubblico che merita un evento simile.
Abbiamo quindi preso a malincuore la decisione di rinviare lo spettacolo NON PLUS ULTRAS, previsto per venerdì 6 marzo al Teatro Civico di Gavi, per permettere un maggiore coinvolgimento delle realtà a cui il testo si rivolge.
Purtroppo non è stato possibile trovare una data che ci permettesse di recuperare l'evento in questa stagione e verrà quindi riproposto nel cartellone 2020/2021.

E' annullato anche l'appuntamento con CAPOLAVORI di e con Mauro Berruto, ex CT della Nazionale italiana di pallavolo, previsto inizialmente per sabato 16 marzo al Teatro Civico di Gavi.

Comunichiamo che lo spettacolo BORSELLINO con Giacomo Rossetto, previsto per la scorsa domenica, verrà recuperato sabato 25 aprile alle ore 21 al Teatro della Juta di Arquata Scrivia.

A favore di abbonati e titolari di carnet che comprendevano gli spettacoli rimandati, saranno messe in atto forme di rimborso o di agevolazioni per le nostre prossime iniziative.
Per informazioni: 3450604219 o teatrodellajuta@gmail.com.

Come già detto ci muoviamo in un clima di incertezza assoluta, ogni giorno si rincorrono voci e decreti ufficiali che non ci permettono di programmare il lavoro come dovremmo. Contiamo sulla comprensione e sull'appoggio del nostro pubblico e speriamo di vedere di nuovo tante persone riempire i nostri teatri come è sempre successo durante questa complicata stagione. 

Lo staff del Teatro della Juta di Arquata e del Teatro Civico di Gavi