PRODUZIONI 2017

L'ACCADEMIA DELLE STELLE, Remember My Name
Produzione Associazione Commedia Community e Peter Larsen Dance Studio.
Regia Andrea Di Tullio; Testi Cristina Storaro, Enzo Ventriglia e Andrea Di Tullio, Supervisione canto e cori Miriam Marcolongo; Coreografie Peter Larsen.


Ambientato nella prestigiosa School of Performing Arts di New York, dove si formano i giovani talenti della danza, della musica e della recitazione. Ogni anno centinaia di aspiranti cantanti, attori e ballerini danno il massimo per essere ammessi a questa scuola, che dopo quattro anni diploma i migliori artisti degli Stati Uniti. Tutti sono alla ricerca di gloria, fama e successo, ma solo i migliori ce la faranno!


Seguiremo i ragazzi dai provini fino al diploma, in un crescente turbinio di situazioni, amori, litigi, scoperte, fino al raggiungimento della maturità di artisti e soprattutto di esseri umani.




Teatro musicale
Durata 2h 05
Disponibilità: ottobre 2016 – marzo 2017.
Cast artistico 17 persone, tra attori, cantanti e ballerini.




UN BACIO A MEZZANOTTE (Varietà retrò)

Produzione Associazione Commedia Community
Di: Martina Allia, Chiara Campi e Christian Primavera. Con: Martina Allia, Nora Garavello e Christian Primavera. 

Tre artisti sulla scena ripropongono alcune delle più famose canzoni del repertorio musicale che va dagli anni '30 agli anni '60 , come nell’Avanspettacolo del dopoguerra italiano, attraverso una costante commistione di generi artistici: si alternano momenti di canto, coreografie, brevi sketch, burlesque, di coinvolgimento diretto del pubblico sul palco e in platea, numeri di danza verticale, giochi di ombre, gare di ballo, serenate ecc., il tutto accompagnato da proiezioni di vecchi filmati, in un’atmosfera magica, spensierata e divertente, ricoperta di piume, paillettes e guêpiere..
Lo spettacolo si apre con il brano “Ma Le Gambe” cantato da Christian Primavera e reinterpretato in una versione ironica e originale, e si chiude sulle note della canzone “Un bacio a mezzanotte”, che dà il titolo allo show. Un viaggio che fa sognare nel tempo, trasportando lo spettatore in una magica atmosfera retrò.

Teatro musicale, rivista, avanspettacolo
Durata: 1h 40 min. Disponibilità: ottobre 2016 – aprile 2017.
Promo video: https://www.youtube.com/watch?v=PISlUQqAwvY


SUONI DALLA TV
Produzione Associazione Commedia Community e Orchestra Classica di Alessandria
Autori Cristina Storaro, Enzo Ventriglia e Mauro Buzzi
Arrangiamenti di Luigi Giachino.
Interprete Massimo Poggio, con i solisti dell'Orchestra Classica di Alessandria.

Lo spettacolo, con video proiezioni, si snoda lungo un vero e proprio percorso storico, culturale e di costume, che parte dagli anni '60 fino ad oggi. Carosello, La Freccia Nera, Portobello, Odeon, La Piovra, Quark, Il bello delle donne e tante altre sigle che hanno fatto la tv italiana, in un excursus che ripercorre la società e le "manie" dell'Italia di una volta.

Formazione orchestra: Massimo Barbierato, Alessandra Dalla Barba: violini
Alessandro Buccini: viola; Giuseppe Canone: clarinetto, sax, fisarmonica
Luciano Girardengo: violoncello; Alessandro Paolini: contrabbasso; Andrea Negruzzo: tastiere, pianoforte

Lettura scenica con orchestra dal vivo
Durata 1h 20 min circa.






IL MIO AMICO PINAN
OMAGGIO AD UN EROE DELLA RESISTENZA 

Produzione Associazione Commedia Community
Con Diego Cambiaso, Cristian Catto, Christian Primavera e Elena Sabbi. Regia Enzo Ventriglia.

Dalla collaborazione tra la l'ANPI - Sezione “Brigata Oreste” di Arquata Scrivia e Grondona e l'Associazione Commedia Community, nasce l'omaggio a Giuseppe Salvarezza, nato a Sarissola, nome di battaglia Pinàn, Partigiano italiano e Medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria.


Tratto da un testo originale scritto da Claudio Balostro (noto scrittore arquatese), questo spettacolo racconta con brio - attraverso testi e canzoni dell'epoca cantate dal vivo - la storia di alcuni componenti del Battaglione Franchi della Brigata Oreste di cui, a soli vent'anni, Pinàn era comandante. L'attenzione è focalizzata soprattutto sulle emozioni che provavano i giovani combattenti per la libertà, alcuni invecchiati nel ricordo di quegli anni, altri scomparsi troppo presto.

La motivazione della ricompensa al valore recita: "Giovane ventenne, comandante di una brigata partigiana, di eccezionale ardimento, di fronte ad un improvviso attacco da parte di preponderanti forze nazifasciste, lanciava la sua formazione in un audace contrattacco che salvava le sorti della giornata, trasformando la situazione, inizialmente sfavorevole alle nostre armi, in rotta disordinata del nemico. Ferito mortalmente alla fronte e al cuore, incitava i suoi uomini a proseguire nell'impeto della lotta ed esalava lo spirito indomito per assurgere nel cielo degli Eroi, unanimemente pianto dalle popolazioni che videro il suo estremo sacrificio".






A GENOVA QUEL GIORNO

Racconti, pensieri e canzoni ispirati dal mare e dalla città dei cantautori

Testi di Mauro Buzzi e Enzo Ventriglia; Narrazione Daniela Tusa;
Musica Dado Bargioni (chitarra e ukulele), Andrea Negruzzo (tastiere e pianoforte)
Produzione: Associazione Commedia Community

"E' un luogo che non si finisce mai di conoscere. Sembra che ci sia sempre qualche cosa da scoprirvi. Per andare a passeggio, ci sono i sentieri e i viottoli più straordinari: vi potete perder per strada (che piacere quando uno non ha niente da fare!) venti volte al giorno, se lo desiderate, e ritrovarla in mezzo alle difficoltà più sorprendenti e più inaspettate. E' ricco dei più strani contrasti: ad ogni svoltata, vi si presentano allo sguardo cose pittoresche, brutte, abbiette, magnifiche, deliziose e gradevoli." (Charles Dickens, Pictures from Italy, 1843).

Lo spettacolo nasce dalle suggestioni, dalla poesia, dai profumi dei vicoli genovesi, con le loro storie e le loro passioni. Per lo più sono storie di donne, racconti che vengono dal mare, crudi e delicati allo stesso tempo. I ricordi della bambina degli anni '70 si mescolano con quelli della donna di strada, il ricordo dei dei migranti con quelli della neve che cade su Genova e sul mare. E proprio il mare fa da leitmotiv a tutto lo spettacolo, portando a riva sogni realizzati e sogni infranti, storie di speranza e altre senza redenzione. Le narra con voce sicura e calda l'attrice tortonese Daniela Tusa, accompagnata nel suo viaggio da due musicisti d'eccezione: Dado Bargioni, cantautore blues qui in veste inedita, e Andrea Negruzzo.

Tra i brani riarrangiati da Bargioni figurano Via del campo di De Andrè, Questi posti davanti al mare, di Fossati, De Andrè e De Gregori, Ma come fanno i marinai, di Lucio Dalla e De Gregori, Ciao Amore Ciao di Tenco, Titanic di De Gregori, Italiani d'argentina di Fossati, Dolcenera di De Andrè e molti altri, tratti dalla tradizione dei cantautori italiani e genovesi.


Info produzioni: teatrodellajuta@gmail.com; 349 7823713




Nessun commento:

Posta un commento