STAGIONE TEATRALE ARQUATA 2019-2020

 TEATRO DELLA JUTA DI ARQUATA

 ■ Sabato 12 ottobre 2019
DA QUESTA PARTE DEL MARE   Di Giorgio Gallione, Giuseppe Cederna e Paola Parinetti, con Giuseppe Cederna
“Da questa parte del mare” è un viaggio struggente, lirico e ruvido, per storie e canzoni – quelle di Gianmaria Testa – sulle  migrazioni umane, ma anche sulle radici e sul senso dell’“umano”. In scena alcuni sassi e un cerchio di terra che abbraccia un simbolico mare nostrum da attraversare e da difendere, sul palco un attore che da voce, attraverso le parole di Gianmaria Testa che si alternano a quelle di Marco Revelli e di Alessandra Ballerini, a quelli che non hanno voce per essere ascoltati.










■ Sabato 9 novembre 2019   
LEI NON SA CHI SONO IO di Federica Sassaroli, con Federica Sassaroli
La storia, irriverente e poetica, di come affrontare le situazioni difficili tramite l'accettazione di sé. Un viaggio attraverso il variegato e variopinto mondo delle guarigioni, da quella classica a quella alternativa, da quella inutile e tediosa a quella funzionale in proporzione diretta agli zeri dell'assegno. Comprendere che tutto quello che ci accade nella vita avviene per un motivo preciso. E non è la sfiga. Forse.







■ Sabato 23 novembre 2019
TI LASCIO PERCHÈ HO FINITO L'OSSITOCINA di Giulia Pont, con Giulia Pont
Ti lascio perché meriti di più. Ti lascio perché ti amo troppo. Ti lascio ma tu non c'entri. Ti lascio perché non voglio farti soffrire.
Ti lascio perché voglio imparare a suonare l'ukulele... La fine di una storia d'amore è uno degli eventi più comuni e traumatici della vita di ognuno. Un dramma che spesso si riempie di risvolti comici, talvolta assurdi. Giulia, attrice torinese autrice di questo e altri spettacoli di “stand-up comedy”, tenterà di guarire il suo mal d'amore sperimentando in maniera folle il potere terapeutico del teatro: il pubblico diventerà il suo terapeuta! Un gioco divertente, commovente e catartico.


■ Sabato 21 dicembre 2019   
DON CHISCIOTTE AMORE MIO di Angelo Tronca, con Astrid Casali, Francesco Gargiulo e Angelo Tronca
Tre giovani attori e un musico esperto, alle prese con Don Chisciotte, uno dei grandi Miti dell'Occidente, rivisitato innumerevoli volte con un successo costante, mai adombrato dalle mode passeggere. Don Chisciotte ci insegna che c'è solo una cosa peggiore di un fallimento: non averci nemmeno provato. La passione trasforma, poi, ogni tentativo in una riuscita.

■ Venerdì 31 gennaio 2020
CARO GOLDONI di Augusto Zucchi, Con Costanza Maria Frola, Pierpaolo Congiu, regia di Giulio Federico Janni
Due attori, quattro personaggi. Due servi e due padroni diseredati che vivono in una casa nobiliare venduta pezzo a pezzo per pagare i debiti di gioco del padrone si ritrovano risucchiati in un frenetico turbinio di equivoci, intrighi, maneggi e gelosie nel tentativo di salvare il lavoro e la casa. “Caro Goldoni” è una summa dell’opera goldoniana: una storia nuova raccontata con scene delle sue commedie più belle. Una prova d’attori senza precedenti per uno spettacolo senza respiro.

■ Venerdì 17 gennaio 2020   
BLASÉ di Luca Zilovich Compagnia TEATRO DELLA JUTA – OFFICINE GORILLA. Con Michele Puleio
Un uomo affetto da oniomania, la sindrome da acquisto compulsivo, trova nella società in cui vive la causa di tutti i suoi mali, decide così di rapinare una banca e prendere in ostaggio alcune persone, a loro affida le sue confidenze in un monologo che è una critica ironica e feroce ad una società che ci vuole tutti blasé, ossia uguali e disincantati, incapaci di esprimere una preferenza su qualsiasi cosa. Un monologo che è un secondo capitolo ideale di “Riportami là dove mi sono perso”, in cui si racconta con tragica ironia come la società in cui i personaggi vivono influenza le loro esistenze.




■ Sabato 8 febbraio 2020        
RADIO CLANDESTINA   di Ascanio Celestini, con Ascanio Celestini

A partire dal testo di Alessandro Portelli “L'ordine è già stato eseguito” Ascanio Celestini, una delle voci più note del teatro di narrazione italiano, racconta l'eccidio delle Fosse Ardeatine, una storia che non è solo di quei tre giorni ma qualcosa di vivo e ancora riconoscibile nella memoria di un'intera città. È una storia che comincia alla fine dell’ottocento, quando Roma diventa capitale e continua negli anni in cui si costruiscono le borgate, continua con la guerra in Africa e in Spagna, con le leggi razziste del ’38, fino al bombardamento di San Lorenzo, fino all’8 settembre. È la storia dell’occupazione che non finisce con la liberazione di Roma.



■  Sabato 29 febbraio 2020        
SUPER! Di Mauro Parinello e Simone Schinocca, compagnia Teatrale Tedacà
Super! narra le vicende di Genino, una città nettamente divisa in una zona dove risiedono i ricchi e un quartiere dove sono confinati i poveri, situato in prossimità di un vulcano che minaccia costantemente un'eruzione e, per questo, viene venerato da strani uomini incappucciati. Un luogo fantastico, ma verosimile, popolato da supereroi che vivono a fianco di persone comuni che da loro si aspettano, continuamente, di essere salvati. Non tutti però hanno forza sovrumana o telecinesi, alcuni possiedono poteri all’apparenza bizzarri e di poco conto...Ma cosa definisce piccolo un potere? E anche ciò che in apparenza può essere un potere “piccolo”può essere chiamato a realizzare una “grande” impresa!


■  Sabato 28 marzo 2020
ANTIGONE   di Debora Benincasa, con Debora Benincasa Regia Amedeo Anfuso
Antigone è una storia che respira dell’attimo prima, quello in cui ancora potresti tornare indietro, posare il pugnale e continuare lungo la vita che ti offrono. È una storia che attraversa le ossa di una ragazzina magra, di un’eroina spettinata che dal centro della tragedia ti guarda sorridendo.
Antigone cerca di uscire dalla sua prigione ridendoci contro, abbassandosi per cambiare punto di vista, ironizzando per alleggerire il dramma. Ma alla fine siamo sempre con lei, proprio lì dove l’avevamo lasciata, con la pistola, il pugnale o la corda in mano, perché lei ha deciso di lottare.

Info e prenotazioni: 345 0604219   teatrodellajuta@gmail.com

Biglietteria Stagione Teatrale Arquata: 
Biglietto intero € 10
Spettacoli “La somma di due”, “Radio clandestina”, “Da questa parte del mare” e “Capolavori”: posto unico € 12 (no riduzioni)

ABBONAMENTI:
Stagione Arquata + Stagione Gavi (17 spettacoli) € 140 (anziché € 178)
Stagione Arquata (9 spettacoli) € 80 (anziché 94)
Stagione Gavi (8 spettacoli) € 70 (anziché 84)
Carnet 5 spettacoli (compresi 2 spettacoli tra quelli a 12€) € 45
Carnet 10 spettacoli (compresi 3 spettacoli tra quelli a 12€) € 85
Under 26 (Arquata + Gavi) € 90

Nessun commento:

Posta un commento